Sezioni

Una convenzione per la rinascita della Golena San Vitale: previsti percorsi, aree didattiche e l'introduzione di nuove specie

L'accordo, che oltre il Comune di Calderara vede anche Aeroporto, Bologna, Castel Maggiore e la Città Metropolitana, rientra nella convenzione per la decarbonizzazione dello scalo

Rinaturalizzazione e valorizzazione del territorio. È l’obiettivo della convenzione che, nell’ambito degli accordi di decarbonizzazione dell’Aeroporto “Marconi”, permetterà di effettuare interventi di grande valore e impatto ambientale in una zona di pregio del Comune di Calderara, la Golena San Vitale. Area di riequilibrio ecologico e sito di interesse comunitario (SIC), si tratta di 69 ettari divisi tra i comuni di Bologna, Castel Maggiore e Calderara - sul cui territorio, nella frazione di Lippo, ne ricade la gran parte -, che sarà oggetto a breve di interventi ritenuti importanti per l’attuazione del Masterplan dell’Aeroporto. Di qui la convenzione che sancisce la collaborazione tra gli Enti, ora approvata e sottoscritta dalla Giunta Comunale di Calderara, fermo restando che gli oneri economici saranno a carico dello scalo bolognese.
Gli interventi previsti nella convenzione, i cui lavori saranno avviati entro breve tempo, valorizzeranno la Golena, che data la posizione a ridosso dell’argine e la sua particolare collocazione geografica ha delle peculiarità relative al terreno e alla flora e fauna presenti nel sito. Ecco le opere previste:

  • verranno ridefiniti l’ingresso da via Aldina e i percorsi, con la sistemazione del verde e di coperture per l’accoglienza dei visitatori;
  • sono previsti interventi di reintroduzione di alcune specie vegetali e di ricreazione o conservazione dell’habitat originario;
  • sarà creata un’area didattica per la conoscenza della biodiversità. Si prevede la realizzazione di alcuni habitat specifici: pozze d’acqua a differenti livelli per le specie erbacee elofite e idrofite; sassaie e cumuli di sabbia per la riproduzione dei rettili; un formicaio didattico; casette nido per ghiri, pipistrelli, rapaci e molte altre specie selvatiche.

L’accordo firmato da Calderara, Bologna, Castel Maggiore, Città Metropolitana e Aeroporto è uno degli interventi dell'accordo attuativo territoriale di decarbonizzazione del “Marconi”, che poco più di un anno fa, nel gennaio 2020, vide un passo decisivo: il sì alla creazione a Lippo di una fascia boscata importantissima per l’assorbimento dell’anidride carbonica, in totale 40 ettari tutti a disposizione della comunità, con un assorbimento annuo di 2.680 tonnellate di CO2. La creazione di questo imponente “muro” verde e i nuovi interventi alla Golena San Vitale rappresentano un segnale importante della centralità che l’ambiente ha nelle politiche dell’Amministrazione Comunale.

Qui il comunicato stampa.

Foto di Peter Zullo

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/03/13 10:00:00 GMT+1 ultima modifica 2021-03-13T08:36:53+01:00

Valuta questo sito